MOKAVIT – Moka ad Induzione Made in Italy

Come si può non amare il caffè? L’inconfondibile borbottio, il calore, l’aroma e il fumo che escono dalla moka risvegliano tutti i nostri sensi e fanno parte di un dolce rito casalingo quotidiano. La Moka è diventata ormai anche un oggetto di culto, fa parte della tradizione italiana, eppure non tutti sanno prepararla nel modo corretto.

Dunque, quali sono i trucchi del mestiere per preparare un ottimo caffè? Chi può spiegarcelo meglio degli esperti di questa deliziosa bevanda. Bazzara Espresso, azienda nata in una città che vanta tre secoli di storia caffeicola, Trieste, ci mostra i semplici ma fondamentali passaggi per preparare la moka a regola d’arte.

Come preparare la moka per gustare un ottimo caffè

  • svitare la parte superiore, controllando che sia pulita, anche attorno alla guarnizione;
  • togliere il filtro, accertandosi che sia asciutto e perfettamente pulito, senza alcun residuo di caffè;
  • inserire l’acqua all’interno della caldaia in modo che il livello sia inferiore alla valvola interna, operazione fondamentale per lasciare nella parte superiore una camera d’aria tale da permettere al vapore di avere sufficiente pressione per far salire l’acqua attraverso il filtro;
  • reinserire il filtro e riempirlo con una tipologia di caffè macinato espressamente adatto alla moka; 
  • con un dito battere di lato alla parte bassa della caldaia per pareggiare la polvere nel filtro, per chi lo desidera più forte a questo punto si aggiunge un altro cucchiaino di caffè a montagnola,
  • riavvitate la caffettiera per chiuderla e porla sul fuoco.
  • il segreto è la giusto rapporto tra quantità di acqua e polvere;
  • che tipo di miscela per moka: un buon caffè ha una percentuale che varia dal 50 al 70% di arabica e dal 30 al 50% di robusta. Così risulterà profumato e con il giusto corpo,
  • il caffè inserito nel filtro non va compresso, ma solo livellato;
  • il bordo del filtro deve essere sempre pulito dopo il riempimento, in modo che non ci sia alcun residuo di polvere di caffè ad ostacolare la corretta chiusura della moka, perché rischierebbe di far fuoriuscire dell’acqua compromettendo l’estrazione del caffè;
  • il fuoco deve essere lento e con un diametro possibilmente proporzionato alla grandezza della moka;
  • mentre fuoriesce il caffè, è bene alzare il coperchio;
  • quando il caffè è arrivato a metà della cuccuma, bisogna togliere la moka dal fuoco. Sarà la pressione a far continuare l’estrazione, evitando così di dare al nostro caffè un gusto troppo forte, intenso, “bruciato”.

Buona degustazione!

Continua a leggere...

Parla con noi
Ciao 👋
Possiamo aiutarti?